Le opere di don Didimo Mantiero




Clicca qui per vedere il video

Un libro scritto “perché credo che la nostra vita sia stata una grande avventura umana e spirituale e che per questo possa interessare anche gli altri”, perché viviamo in una società “in cui è diventato più difficile fare le scelte giuste e mantenere le scelte fatte”. È così che ha esordito Rosanna Brichetti Messori all’incontro organizzato lunedì 1 ottobre dalla Scuola di Cultura Cattolica per presentare il suo ultimo libro “Una fede in due. La mia vita con Vittorio”. Si tratta della storia travagliata della storia con il marito, il celebre giornalista Vittorio Messori, presente anch’egli in platea ad ascoltare la consorte. Una storia di due persone, entrambe convertite, con percorsi personali diversi.

Dopo una giovinezza trascorsa in un ambiente cattolico “ma chiuso e moralista”, ha raccontato Rosanna Brichetti, si era trovata in giovane età in un una situazione fisica precaria, che l’aveva resa “triste e sola” e che le faceva sperimentare “cosa significa vivere senza Dio”. Questo sconforto la portava a ritornare, come in un rifugio, al Santuario dedicato alla Madonna delle Lacrime a treviglio. Trascorreva nella cripta lunghe ore in silenzio, “ascoltando” l’angoscia e la sofferenza in cui si trovava immersa. Finché un giorno, ha proseguito, giunse un segnale, una rivelazione. Sono tre le frasi che Rosanna Brichetti ha riportato come “una freccia” che la colpì: «tu appartieni a una storia sacra», «io sono morto anche per te» e «anche i capelli del tuo capo sono contati». In quel preciso momento, ha commentato la relatrice, “fu la luce” e tutto cambiò prospettiva. Davanti al Santissimo Sacramento, “capii l’essenziale: che qualsiasi fosse la sorte che mi era toccata, Qualcuno aveva pensato a me fin dall’inizio, appartenevo a un disegno, che al mondo era esistito Qualcuno che mi voleva così bene che era morto anche per me, che era presente un amore che dava senso alla mia vita”.

Non che i problemi concreti fossero spariti, ha aggiunto, ma “avevo capito che il Vangelo è davvero la risposta alle domande del cuore dell’uomo”, quindi tutto veniva visto da una prospettiva differente.

L’intervento di Rosanna Brichetti ha poi affrontato la storia difficile della sua unione con Vittorio Messori, giunta al matrimonio solo dopo più di vent’anni vissuti “come fratello e sorella” in attesa della sentenza definitiva che sanciva annullamento del precedente matrimonio di lui.

Tutte queste difficoltà sono state affrontate con la certezza di essere accompagnati dalla Provvidenza e grazie alla forza della preghiera: “con l’aiuto di Dio nulla è impossibile – ha commentato –. Noi  firmiamo una cambiale in bianco, come anche quando ci sposiamo, ma ci dobbiamo fidare della Provvidenza”.

L’uomo deve recuperare questo rapporto verticale con il soprannaturale perché “c’è una cultura che ha imposto una visione orizzontale della vita che ha prodotto un uomo che non crede di avere bisogno di Dio e un concetto esasperato di libertà”.

2012: doppio anniversario

Il volto più vero - NUOVA EDIZIONE

Notiziari pubblicati

Notiziario 2012 - n°1

Notiziario 2012 - n°2

Notiziario 2012 - n°3